Mobilità sostenibile ed elegante

C’è una frazione vicino casa mia che mi ha stupito molto. Si chiama Piane.
Fino a poco tempo fa la consideravo poco più di un incrocio con una chiesetta utilizzata giusto per qualche cerimonia religiosa oppure per qualche festa. 
Invece il piccolo borgo, nonostante gli effetti evidenti provocati dallo spopolamento, palazzi antichi lasciati come rovine di un tempo che fu, un vecchio ufficio postale ancora aperto ma con turni ridotti, ospita al suo interno alcuni spunti per una piccola visita fuori porta con qualche bella sorpresa inaspettata.
Il cartello che indica la graziosa frazione Piane di Matelica.
Il cartello che indica la graziosa frazione Piane di Matelica.
Una bicicletta speciale che luccica sul prato.
Una bicicletta speciale che luccica sul prato.
Come esempio di contrasto tra antico e moderno, proprio nel mezzo del borghetto, c’è un artigiano delle biciclette, uno di quelli che ci sanno fare con le mani per davvero. 
 
Moreno Mosciatti è un esperto di moto custom e, una decina di anni fa si è inventato un lavoro davvero originale che ha una notevole caratterizzazione artistica: la creazione di biciclette sul modello delle mitiche moto americane. 
 
Questo è uno di quei mestieri davvero originali. Certamente l’idea e lo spunto principale rievoca il mito delle moto americane, la visione di queste biciclette ci riporta senza dubbio con la mente oltre oceano, richiamano il sogno americano. 
Tuttavia proprio qui dentro questa frazione di poche anime, nel pieno cuore dell’italia centrale, in mezzo a colline sinuose di verde e di vigne, c’è un artista del ferro che non ti aspetti, uno che con stile, classe e rispetto per l’ambiente, crea vere e proprie opere d’arte. 
Lavoro di mani saldature e sapienza.
Lavoro di mani saldature e sapienza.
Moreno Mosciatti a lavoro
Moreno Mosciatti a lavoro

Moreno forgia interamente a mano i telai delle sue biciclette e le dota di un’innovazione da lui creata e brevettata; il serbatoio che ospita il vano per l’impianto elettrico e la batteria per la pedalata assistita, donando stile ed unicità ad ogni modello che può, anzi deve, rimanere unico.

Un lavoro che parte quasi interamente da zero con il modellamento del telaio, fino alla messa in strada di veri e propri capolavori di eleganza che a mio parere possono donare un grande valore aggiunto al concetto stesso della mobilità sostenibile, che oggi rappresenta un aspetto di grande importanza ed interesse.
 

Dal suo laboratorio artigiano escono fuori dei veri e propri pezzi unici e di valore artistico richiesti anche all’estero, tutti ovviamente marchiati More Cycles (link al sito).

Moreno Mosciatti e le sue More Cycles rappresentano un bel valore aggiunto a questi luoghi e potrebbero dare anche un servizio davvero importante di mobilità sostenibile. Sarebbe bello un giorno poter tornare a vivere queste campagne e riscoprirle viaggiando, magari proprio in sella a queste eccezionali biciclette elettriche, frutto dell’amore e della manualità di un artigiano ingegnoso e competente come lui.

Il viaggio fuori porta a Piane di Matelica non finisce qui, ma di questo ne parlerò sul prossimo pezzo…. Stay Tuned.

Il "particolare" di una forcella molto particolare
Il "particolare" di una forcella molto particolare
Il posteriore di una bicicletta ed il logo More Cycles.
Il posteriore di una bicicletta ed il logo More Cycles.
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Inseguire la Felicità

Oggi è la giornata mondiale della felicità. Proclamata dall’Onu nel 2012, questo giorno non cade a caso proprio il 20 marzo durante l’equinozio di Primavera.

Voglio dedicare due righe alla felicità perché la diamo troppo spesso per scontata ma in realtà non lo è affatto.

Ci sono guerre nel mondo praticate dall’ipocrisia, ci sono falsi miti, vengono sconfitti gli ideali dalle logiche della convenienza, sembra che per vivere bene oggi bisogna essere solamente furfanti, ladri, delinquenti e comunque mai se stessi.

Se cerchi la parola felicità su google come primo risultato in assoluto viene fuori il brano di Albano, proprio lui che la cantava la felicità, è stato messo al bando dall’Ucraina come personaggio non gradito. Al di là del contenuto di questa notizia, dove non voglio entrar nel merito, visto il risalto mediatico ed il gossip che ha avuto, quello che stride, a mio avviso è che oggi sembriamo essere messi da parte se ci operiamo anche solo a cercare di essere felici.

Sembra che tutto debba incardinarsi in regole precise, dentro un marketing della vita che ci sdoppia col nostro apparire, per cui diviene sempre più difficile tornare ad essere se stessi.

L’oggi convertito nell’apparenza ad ogni costo, senza cercare nemmeno più di essere quello che siamo, con i difetti, gli errori e magari qualche virtù. 

Catalogare è la parola d’ordine, sorridere sempre, fare finta di essere allegri, gioiosi, tenaci, mentre essere autentici non è una voce in catalogo e questo per me non va bene.

Felicità. I primi tulipani in terrazzo
Felicità. I primi tulipani in terrazzo

C’è tanta rassegnazione in giro, nonostante la tecnologia che avanza, noi uomini sembriamo avere sempre più paura. 

Forse l’interconnessione nevrotica che c’è nel mondo genera cortocircuiti strani che ci fanno vedere solo il peggio di quello che siamo, ma sono sicuro, che in fondo, questa proiezione alla fine sia solo fittizia che la vita non sia poi così come siamo portati a credere, piena di stress, di ansie e falsi sorrisi, perché se ci pensiamo bene, siamo noi a impacchettarcela così il più delle volte.

Ci fanno credere che gli obblighi siano indispensabili per vivere meglio, senza considerare quali sono invece i risultati positivi delle azioni che facciamo ogni giorno. Così siamo pronti a vivere per girare sempre inconsapevoli dentro la stessa ruota manco fossimo criceti. Chi cerca attimi di libertà magari nelle piccole cose, quelle che trovi dentro un sorriso sincero, un abbraccio sentito, viene additato come una specie di outsider, uno fuori luogo, uno da emarginare, al massimo “un fannullone” citando De Andrè.

Invece sapete cosa penso? La felicità è l’unica azione di ricerca individuale per cui vale la pena vivere, magari anche solo per avvicinarla e chissà forse raggiungerla, non esistono ricette di mercato, filantropi o santoni, in questa ricerca ci siamo solo noi stessi.

Cercare di fare il minor male possibile, il rispetto verso il prossimo, la franchezza e la gratitudine sincera forse sono l’unico motivo per essere davvero se stessi e sorridere alla vita.

Smettere di lasciarsi invasare da frivolezze inutili è il modo per vivere degnamente. Smettiamo di correre senza motivo tornando ad essere autentici e meno di plastica prima che sia troppo tardi per tentare di essere felici.

P.s. Scrissi un altro articolo su questo argomento tempo fa, ecco il link.

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Bianco Colonnata

Se dovessi assegnare un colore a Colonnata, sceglierei di sicuro il bianco, perché questo colore richiama alla mente due dei segni caratteristici di questa frazione di Carrara: il marmo ed il lardo.

Due prodotti naturali che proprio qui, in questo grazioso paesino incastonato sulle Alpi Apuane trovano una congiunzione veramente straordinaria.

Colonnata è molto graziosa e conta oltre 20 larderie. Mi sono fermato a mangiare nel ristorante Venanzio, dal nome del vecchio titolare che per oltre 40 anni è stato anche artigiano del lardo di conca. Il ristorante si trova nella piazzetta centrale del paese, ho trovato una proposta di menù molto caratteristica, con forti richiami al territorio, e qualche spunto d creatività che non guasta mai, la gentilezza e competenza dell’attuale titolare Roberto e soprattutto una pulizia evidente in tutto il locale e nello specifico nella cucina curata da Alessio l’altro titolare e cuoco, ed Anna la moglie di Roberto.

Piccola conca con il lardo del ristorante Venanzio. Stagionatura di 18 mesi, fantastico.
Piccola conca con il lardo del ristorante Venanzio. Stagionatura di 18 mesi, fantastico.
La torre del paesino di Colonnata.
La torre del paesino di Colonnata.

Quel piccolo borgo l’ho visitato in un giorno di marzo, raggiungerlo non è stato molto facile anche se è stato affascinante arrivarci passando per gli antichi cunicoli, aperti dentro la montagna dai minatori con la pala ed il piccone molti anni fa.

Purtroppo, quella via di accesso è obbligata, anche se certamente molto ammaliante nella sua scenografia disegnata dalla storia, gli abitanti e i piccoli artigiani caratteristici di quella zona ne soffrono perché la strada principale è chiusa da diverso tempo per alcuni cedimenti strutturali, e questo è di certo un motivo di sofferenza.

Lardo di Colonnata.
Un primo piatto interessante soprattutto per la pasta fresca con una farina integrale molto interessante, pomodorini, erbe e lardo
Un primo piatto interessante soprattutto per la pasta fresca con una farina integrale molto interessante, pomodorini, erbe e lardo

Tuttavia dentro al paese ho visto che in alcune botteghe c’erano operai e muratori a lavoro per restauri e manutenzioni varie, segno evidente che c’è voglia di ripartire e di esserci anche per questa ennesima stagione oramai alle porte.

Un piccolo popolo coeso nel preservare e custodire il loro “must identitario”, di certo un simbolo di diversità, quel lardo bianco come il marmo estratto da quelle montagne, che lo fa maturare, lo protegge per almeno sei mesi a quasi due anni, arricchendolo dei sapori e dei profumi peculiari di quei territori, una produzione che è simbolo di alta manualità artigianale.

Colonnata. Lo sfondo delle Alpi Apuane
Colonnata. Lo sfondo delle Alpi Apuane
Il tour del marmo, una scenografia particolare.
Il tour del marmo, una scenografia particolare.

Sullo sfondo le Alpi Apuane, da dove si ricavano i marmi più pregiati del mondo, quelli di Carrara, fra le tante cave, una antichissima datata nei primi Secoli dopo Cristo.

Questo marmo antico prende nome di marmo di Luni o Lunense perché così fu nominata dall’Impero Romano quando ne divenne colonia. Da qui provengono i marmi del Colosseo, di San Pietro e altri edifici storici importanti, oltre alle opere più eccelse di scultori ed artisti straordinari come Michelangelo Buonarroti.

Purtroppo oggi l’estrazione del marmo sta avvenendo in una maniera eccessivamente veloce tanto che sono evidenti i mutamenti che stanno trasformando addirittura i profili delle montagne, rendendo in qualche caso le cime frastagliate da squadrature geometriche e pertanto anomale, date dai tagli dei marmi, alterando in modo irreversibile l’intera forma di questi paesaggi unici.

Insomma, ho avuto l’opportunità di visitare un posto unico che vale davvero il viaggio, dove mi piacerebbe tornare per il tour dentro le cave che non ho ancora potuto fare.

Da parte mia sono sempre più convinto che questa parte d’Italia, così piena di riferimenti storico/artistici abbia bisogno di una maggiore tutela e soprattutto del rispetto per la storia che ha prodotto nei secoli.

Scorcio del paese fra i suoi vicoli.
Scorcio del paese fra i suoi vicoli.
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Trent’anni di Web

Oggi sono trent’anni che esiste il World Wide Web. Questo già si sa perché anche Google lo ha messo in home page e tutti lo avranno notato.

Si sa anche che il WWW alla sua nascita era una piattaforma legata esclusivamente alla veicolazione di informazioni accademiche o militari quindi i suoi usi erano esclusivamente atti alla ricerca o alla difesa.

Invece solo poco tempo ho scoperto fa che il primo Web server fu di fatto prodotto da Tim Berners Lee su una workstation Next, creata da Steve Job’s, ironia della sorte, proprio a seguito della sua esclusione dalla sua creatura Apple. Inoltre la cosa curiosa che non sapevo, è che proprio il WWW nasce all’interno degli studi del CERN, nella vecchia Europa e non negli Stati Uniti, come ero portato erroneamente a credere.

Chiaramente i Web Server crescerono di numero in maniera esponenziale, finché nei primi anni del 2000 si diede il via al web 2.0 dove si decise che l’utenza di internet sarebbe dovuta passare da un’utenza passiva ad una attiva, dove potessero partecipare tutti. Esplosero le bolle dei “dotcom”, iniziarono a farsi strada piattaforme come Ebay ed Amazon che fecero scoppiare l’e-commerce in tutto il mondo e presero piede anche i social network. (fonte Wikipedia)

"Intelligenza Umana Artificiale". Quest'opera che ho ideato e realizzato, è da completare ma ho voluto metterla qui perché rappresenta una testa, fatta di memorie RAM di computer, che fuoriescono fino a spezzare il volto umano che le contiene a fatica e quasi scoppia. Tutto poggia su una base di tronco secco e richiama la natura morente sotto al peso di questo "artificio". L'ho fatta con legno, creta e pezzi di vecchi PC, nella speranza di non arrivare a questo punto.
"Intelligenza Umana Artificiale". Quest'opera che ho ideato e realizzato, è da completare ma ho voluto metterla qui perché rappresenta una testa, fatta di memorie RAM di computer, che fuoriescono fino a spezzare il volto umano che le contiene a fatica e quasi scoppia. Tutto poggia su una base di tronco secco e richiama la natura morente sotto al peso di questo "artificio". L'ho fatta con legno, creta e pezzi di vecchi PC, nella speranza di non arrivare a questo punto.
Intelligenza Umana Artificiale. Profilo dove scendono circuiti misti a capelli, la bocca è spezzata, inutile.
Intelligenza Umana Artificiale. Profilo dove scendono circuiti misti a capelli, la bocca è spezzata, inutile.

 Oggi internet è uno spazio iper affollato dove tutti dicono la propria cosa inutile (forse spesso lo faccio anche io e scusatemi), gattini, catene, contenuti fasulli ed altre boiate (questo nel mio blog ho cercato sempre in maniera minuziosa di guardarmi bene dal farlo), sostituendo la piazza di paese in un’enorme piazza/piattaforma virtuale.

 

Il problema è che forse, si sta perdendo di vista la motivazione primaria per cui questo strumento sia stato creato, cioè la facilitazione e l’invio di dati che possano essere utili ad un miglioramento della condizione umana, non ad un suo progressivo imbruttimento patetico fatto di “boutade” insensate che però accrescono la visibilità.

 

In questo senso forse, in un futuro ormai molto prossimo, con l’avvento del “Web semantico” lanciato e promosso dal suo ideatore Berners Lee, saremo di fronte all’ennesima trasformazione del mondo di internet.

In questo momento, non so voi, ma io ho notato che il web stia diventando sempre più come la TV, una veicolazione del “pensiero unico” in un flusso principale di contenuti, dove fuori c’è solo “il rumore” e dove, o sei incanalato oppure non ci sei anche se scrivi cose fondate.

Fino a poco tempo fa le notizie più interessanti trovavano più spazi e canali di amplificazione,

Spero che questa sia solamente una mia impressione, forse evidenziata da quello che mi capita di verificare sui social network, che stanno diventando una vera e propria corsa alla pazzia, dove se non ti metti a pubblicare di tutto rischi di sparire. Sono fermamente convinto che la quantità a discapito della qualità in qualsiasi tipologia di produzione, generi esclusivamente dei mostri, oppure, come in questo caso, dei grossi “esaurimenti sociali”.

Sarebbe necessario instaurare un dialogo che possa indicare come premiante un corretto utilizzo del web soprattutto valutando i contenuti prodotti, nella loro effettiva concentrazione qualitativa.

 

 

Ci sarebbe un minore accanimento di gente che si sbrana sui commenti dei personaggi famosi oppure fra amici per aumentare la loro visibilità in questo bar virtuale dove si sparla oramai troppo, si parla pochissimo e nemmeno si gioca più a briscola appunto perché è virtuale.

 

Il mondo cambia ed insieme ad esso anche il web, speriamo in meglio.

Non sarebbe opportuno iniziare a considerare la percezione della qualità dei contenuti, piuttosto che la loro ridondanza?

 

Voi come immaginate il web del futuro?

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Viareggio è tanta roba!

In questa parte dell’Italia nella toscana settentrionale è uno slang che usano veramente in tanti per dire che quello a cui si assiste è fatto bene davvero. 

Martedì grasso ho deciso di passarlo a Viareggio per l’ultima sfilata del Carnevale più scenografico e grande d’Italia e ne è valsa la pena assolutamente. E’ stato anche il giro di boa di un percorso casuale, nato fra amici a Novembre scorso. Venne l’idea proprio a Fabio di andare a Viareggio da Silvio che abita lì. Decidemmo di partire quasi all’ultimo e lo facemmo.

A Novembre, visitammo la Cittadella del Carnevale grazie a Giuseppe un appassionato di fotografia, veramente disponibile e cordiale (ha anche un gruppo fotografico su Facebook link qui)

 

Carnevale di Viareggio. La bocca della Balena piena di incrostazioni e di rifiuti un grande messaggio ambientale.
Carnevale di Viareggio. La bocca della Balena piena di incrostazioni e di rifiuti un grande messaggio ambientale.
Frida Kalo nel carro "Adelante", uno spettacolo musicale e scenografico grandissimo.
Il carro vincitore per la 2' Categoria, con la Bonino e le sue farfalle.
Il carro vincitore per la 2' Categoria, con la Bonino e le sue farfalle.

Un posto di straordinaria creatività e artistica e artigianale. Fra i pochi artisti della cartapesta ce n’era uno particolarmente, cordiale, disponibile, ed appassionato, Jacopo Allegrucci (link al pezzo di Novembre). Dopo un giro attorno al carro in costruzione, capimmo quanto lavoro ci fosse dietro la realizzazione di un’idea che tramuta in realtà la fantasia e la mostra al pubblico, emana emozioni, nei movimenti, nelle scene e nel racconto del messaggio che trasmette.

Con una bella sensazione nel cuore, decisi che per uno dei corsi mascherati del 2019 sarei dovuto tornare per forza. Così lunedì sera ho deciso che all’indomani sarei partito per vedere l’ultimo corso mascherato.

E’ stato entusiasmante, “Ultima Biancaneve” di Allegrucci ha addirittura vinto il carnevale con il suo messaggio tra fiabesco e reale lanciando l’allarme di un ambiente che chiede aiuto e che non può più reggere un ritmo di inquinamento così stressante, incessante e tossico per la vita, e anche per l’anima.

 

Biancaneve Madrenatura morente sopra i rifiuti
Biancaneve Madrenatura morente sopra i rifiuti
Il carro "Medea" una scenografia strabiliante.
Il carro "Medea" una scenografia strabiliante.
Satira immancabile, qui Salvini, Di Maio e il premier Conte.

Quella favola antica che tutti conoscono viene riadattata e riportata tremendamente ai giorni nostri, così la strega appare da un immenso sacco di rifiuti con una maschera antigas porge la mela tossica ad una Biancaneve che è in realtà una Madre Natura bellissima seppur morente, accasciata al suolo fra le immondizie.

 

Un messaggio forte e chiaro diretto, impattante, coinvolgente, dove ho notato esplicita, la connessione con la realtà, infatti alcuni inserti nella base del carro erano bottiglie di plastica vere, vuoti di detersivi, ho scorso anche un paraurti di un’auto, rifiuti insomma messi li a descrivere la condizione realistica portata dentro al Carnevale col richiamo della fiaba, un’opera d’arte che fa riflettere e che, come le favole ha una morale forte, diretta, urla di fermarsi, di non consumarlo più questo mondo asfissiato.

"Ultima Biancaneve" il carro che ha vinto il Carnevale.
Una Maschera Isolata che mi ha colpito particolarmente, il messaggio è impattante.
Una Maschera Isolata che mi ha colpito particolarmente, il messaggio è impattante.

Ne scrivo perché credo che quel messaggio sia in piena sintonia anche con questo blog, che cerca di trovare modi, attraverso i racconti, per riflettere e smettere di correre senza motivo.

Un bellissimo Carnevale, con tanto sole, la gente allegra, una parata di innumerevoli maschere, i carri tutti davvero straordinari, soprattutto la gente piena di sorrisi autentici. 

Una città che vanta un lungo mare da favola, un posto che riesce ancora a farti sognare e credere nelle favole. Grazie per questi bei momenti.  

Viareggio al tramonto con Burlamacco in controluce. spero di tornare presto a vedere questi tramonti sul mare unici.
Viareggio al tramonto con Burlamacco in controluce. spero di tornare presto a vedere questi tramonti sul mare unici.
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Bassano, non solo Grappa

Ci sono luoghi dell’Italia che ti rendono orgoglioso di appartenere ad un Paese così ricco di storia e di orgoglio, perché guardano al futuro partendo dal passato. In questi luoghi trovi coscienza di quello che li caratterizza che li rende unici e irripetibili, consci di essere appetibili per coloro che li visitano, in modo semplice, diretto e sincero.

Per me Bassano del Grappa è uno di quei paesi in cui si attesta lo spirito di identità, fatto di pezzi di storia che hanno contribuito a farci divenire una nazione unita, grande e rispettata nel mondo.

Hemingway in un'opera in cera all'interno del museo.
Hemingway in un'opera in cera all'interno del museo.
La villa dove è posto il museo di Hemingway e della Grande Guerra.

Bassano non è solo Grappa, nonostante l’estrema professionalità, gentilezza e “savoir faire” che trovi, ad esempio, all’interno della distilleria Nardini o nei piccoli produttori di peculiarità oltre che nella cultura della distillazione, messa a sistema in un museo come quello di Poli, che ho raccontato qui.

Bassano è anche tradizione, rispetto dell’identità locale, una serie di suggestioni che richiamano alla mente luoghi, dove si intersecano storie ed emozioni che non possono far altro che rimanere impresse nella mente di chi le visita. Il museo di Hemingway e della grande guerra posto in 5 ambienti della villa dove il famosissimo scrittore statunitense si stabilì in alcune fasi della sua vita, considerando proprio quelle zone ai piedi del monte Grappa, Bassano una sua seconda casa.

E’ probabile che proprio qui iniziò a scrivere il suo celebre romanzo intitolato “Addio alle Armi”, che in Italia per un ostacolo posto dalla censura fascista trovò la possibilità di essere divulgato solo dopo la caduta del regime.

Bassano è il luogo dove il ricordo di quello che è l’Italia diviene lucido, dove c’è un’accoglienza che si apre ai visitatori con la consapevolezza di dare agli altri qualcosa che possa rimanere per se stessi le sue vie piene di riferimenti autentici alle tradizioni. Il passeggio serale sul ponte degli alpini, che ha bisogno di restauro, ha di sera una piccola “movida” di giovani intorno al cocktail bar della distilleria Nardini. Le temperature di questo periodo scoraggiano passeggiate vere e proprie ma il vin brulé o gli altri alcolici, uniti ad una buona compagnia riscaldano lo stesso, corpo e cuore.

Facciata del Comune di Bassano, con le bandiere ed il grande orologio centrale.
Caffè Danieli, particolare interno del locale.
Caffè Danieli, particolare interno del locale.

Ho potuto fare una passeggiata a Bassano in un giorno di inverno, con stupore mentre facevo colazione nel Caffè Danieli, dagli interni classici e tipici, posto sulla piazza, vicino alla chiesa, ho notato la gente seduta ai tavoli con la calma di chi si gode l’inizio della domenica. 

In questo periodo dove non ci sono molti turisti fermarsi in questo posto regala tranquillità, aggiunge motivazione a chi cerca di capire l’autenticità di ciò che si osserva, lasciandosi coinvolgere da tanta straordinaria autenticità.

Ho mangiato in uno di quei locali storici del paese, la Birreria Ottone, dove si assaggiano bocconi di una provincia vicentina orgogliosa di preservare una propria e vigorosa economia reale anche nel cibo. Ho pernottato presso Palazzo Zelosi Guest House, una bella struttura accogliente e ben gestita dalla sua Manager Silvia, soprattutto centrale, con un buon rapporto qualità/prezzo, utilissima per visitare il centro del paese.

Insomma ho potuto vedere orgoglioso, uno spaccato dell’italia fatta di consapevolezza e genuinità, di persone autentiche, gentili e con un’accoglienza spontanea e sincera che da belle sensazioni.

P.S. Per questo pezzo ringrazio Sara Panizzon per avermi guidato nei luoghi di Bassano, il suo blog si chiama Triportrek

Interno della birreria Ottone, ambiente classico e richiami di stile.
Baccalà alla Vicentina e polenta.
Baccalà alla Vicentina e polenta.
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Pomeriggio a Camerino

Sabato è stato un giorno insolito ma particolarmente emozionante.
Ho potuto assistere ad una bella inaugurazione di un gruppo di gente che, subito dopo le scosse, si è data da fare con coraggio e senza tregua nel soccorrere chi era rimasto senza niente da un minuto all’altro.

Dopo le scosse di quell’ottobre tremendo, tutto il centro storico del paese è stato reso inagibile ed è ancora zona rossa presidiata dall’esercito. 
Tuttavia per quel centro storico deserto si è accesa una piccola fiammella di speranza grazie a questa gente piena di tenacia, alla voglia di voler tornare ad essere una comunità coesa nei valori sociali dello stare insieme e nella tutela delle proprie identità culturali.
 
Poco fuori dalla zona rossa si è inaugurata a Camerino la nuova sede dell’associazione “Io non crollo”, erano presenti il parroco, gli associati, alcuni simpatizzanti e qualche giornalista.
Il momento dell'inaugurazione dei nuovi locali in centro.
Il momento dell'inaugurazione dei nuovi locali in centro.

Ho potuto parlare con Andrea uno dei fondatori oltre che amico e vecchio compagno di liceo, mi ha raccontato di quanto lavoro hanno dovuto affrontare dopo le scosse, quanta tenacia sia occorsa per andare incontro alle prime emergenze, le prime riunioni fatte tra le brandine nelle stanze messe a disposizione dal Comitato Universitario Sportivo, oppure nella sede del Consorzio dei trasporti Contram che ospita ancora il comune. 
La sua compagna Caterina, da subito dopo le scosse ha organizzato un coordinamento per sostenere ed aiutare gli allevatori, perché nei mesi successivi al sisma erano quelli che avevano più bisogno di aiuto e di presidio, gli animali non sarebbero potuti sopravvivere se lasciati a loro stessi; inoltre tutto il gruppo si è attivato nell’affiancamento alla protezione civile e nelle varie raccolte fondi in giro per l’Italia. Mi hanno raccontato anche dell’idea in via di realizzazione di un polo che possa essere anche centro di aggregazione per tutte le associazioni del paese, ho percepito nei loro racconti la voglia di tornare ad essere comunità unica via utile per tentare di rimarginare le crepe portate dal terremoto e da una conseguente burocrazia asfissiante. 

Speranza e senso di comunità sono state richiamate anche dal presidente Claudio Enrico Cingolani durante l’inaugurazione benedetta dal parroco. Un paio di ore felici, trascorse con la voglia di riaccendere la speranza per un futuro ritorno in quel bel centro storico ferito gravemente, oggi ancora deserto, impraticabile e vuoto. Andrea e Caterina in questo futuro ci credono sul serio e trasmettono grande forza d’animo. In mezzo a tutto quel trambusto hanno concepito un bambino stupendo di tre mesi, con un nome che richiama la voglia di volare. 

In tutta questa gente ho visto tenacia e speranza, la voglia di tornare ad esserci, non arrendersi e comunque ripartire. 
Inizio della "zona rossa" verso la piazza dietro al duomo
Inizio della "zona rossa" verso la piazza dietro al duomo
Foto e maglietta autografata, alcuni momenti dell'associazione "Io non Crollo"
Foto e maglietta autografata, alcuni momenti dell'associazione "Io non Crollo"
Scendendo verso valle quasi a sera, si accendevano verso valle luci di quartieri nuovi, alcuni con le Soluzioni Abitative di Emergenza ed altri invece veri e propri quartieri in costruzione. E’ il segno chiaro che i camerinesi vogliono rimanere nel loro paese, mantenere le proprie identità, consapevoli che quella storia centenaria, può fare la differenza anche per il futuro.

La curiosità mi ha fatto decidere di fermarmi un attimo al “Sottocorte Village”, un luogo costruito in pochissimo tempo, fortemente voluto dal Sindaco, dove si sono trasferiti, pochi mesi fa, tutti i commercianti del centro, la struttura che prende il nome dalla corte dei Da Varano, sita nella piazza del duomo di Camerino, approssimata in un nome solo “SOTTOCORTE” da tutti gli studenti che li si trovavano dopo lezione, o per semplice cazzeggio  con l’affaccio di un balcone, che nelle giornate limpide offre una vista spettacolare.

Oggi in quella struttura che sostituisce il centro, anche se mancano richiami di storia e di panorami, c’è ancora quella genuina ospitalità dei negozianti, che mi ha colpito favorevolmente. Anche se è evidente la nostalgia per il loro centro storico, perché l’aspetto è quello di un centro commerciale moderno, dentro è completamente diverso, non c’è un supermercato, ma l’insieme di tutti i piccoli artigiani, commercianti e bottegai del centro, un insieme di identità locali.
 
Curioso di alcune bottiglie di vetro, di bella fattura, scorse dalla vetrina, entro in una di queste botteghe, il proprietario mi dice che le ha trovate nel suo magazzino in centro che ora è inagibile, hanno ancora il prezzo in lire, decido di acquistarle, penso tra me e me che questi vetri sono intatti nonostante due terremoti nel corso di 20 anni, oggetti sopravvissuti, li porto via avendone cura, saluto ed esco.
Il negozio di fiori, piante e altro all'ingresso del "Sottocorte Village"
Il negozio di fiori, piante e altro all'ingresso del "Sottocorte Village"
Le bottiglie di vetro che ho acquistato già profumano di ricordi.
Più avanti vedo una bella esposizione di piantine, un negozio di fiori, piante ed altro come recita il biglietto da visita, al bancone Giorgio con un sorriso sincero, la simpatia generosa e tipica di queste genti è pronto a descrivere tutto quello che espone, è di fatto impossibile uscire da li senza sorridere. Con semplicità e naturalezza, scambiamo due battute, sullo scaffale vedo che in un angolo c’è anche lo scaffale con la pasta e altri generi alimentari, allora compro la maggiorana, il basilico ma anche la pasta di Camerino Hammurabi, un grano molto pregiato, selezionato da un gruppo di biologi locali. Il richiamo alla biodiversità è diretto, al lavoro e alla volontà di mantenere le caratteristiche proprie di questi territori.
 
Quel luogo che a prima vista sembra essere un centro commerciale, dentro conserva ancora il cuore della piazza di Paese.
Questo pomeriggio mi ha fatto vedere un paese mutato nel suo aspetto, che ha ancora molte ferite da ricucire ma che può contare ancora nello spirito di comunità dei suoi abitanti.
Sarebbe bello tornarci più spesso.
Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.