Archivi tag: Grotte di Osimo

Osimo Sotterranea, suggestione criptica.

Osimo è una cittadina molto elegante, soprattutto nel suo centro storico dove si dirama una rete fatta di un fascino antico di vicoli ben tenuti, e vie principali aperte e abbastanza popolate. Nel suo cuore identitario si respira ancora una bella atmosfera di paese, dove non è difficile incontrare, tra negozi di brand locali e bar sempre rinnovati, anche qualche villeggiante in visita al borgo ventilato e ricco di monumenti, chiese e mostre d’arte. 

Osimo già a cielo aperto richiama la cultura dell’arte, numerose le mostre a palazzo Campana; in questo periodo ne ho trovata una su Banksy il writer anonimo famoso nel mondo per la sua arte pop contro la globalizzazione (di cui probabilmente è rimasto vittima salvo il suo anonimato), e inoltre, tempo fa un’altra mostra sulla collezione privata di Vittorio Sgarbi. Osimo, in superficie, insegue una dicotomia artistica tra tutela del passato e ricerca nel futuro dell’arte, sempre in evoluzione. 

La cittadina mi è apparsa agli occhi come in un contrasto armonico fra preservare il passato e la propria identità andando avanti verso il futuro.

Se tutto questo appare da fuori in una passeggiata fra i giardini, che consiglio di vedere ed il corso principale, la motivazione credo sia “fondamentale”, cioè legata alle sue “fondamenta”.

Per questo motivo Osimo sotterranea è suggestione criptica. Una rete di grotte, di cui visitabili al pubblico circa il 10%, si intersecano nel sottosuolo della città storica e collegando edifici e monumenti. Una rete di cunicoli interpretati nei secoli in svariati motivi, religiosi, di difesa e nascondiglio dalle guerre e gli attacchi, oppure esoterici, di iniziazione alla massoneria o della “civiltà dei lumi”.

Osimo mantiene scolpiti i suoi simboli tra sacro e profano, nei suoi cunicoli, incisi nella pietra arenaria, in uno schema di orientamento per non rimanere intrappolati nel labirinto buio e freddo delle grotte. 13 gradi costanti, per cui si consiglia una maglia anche in estate, poi il resto va da se e diviene un trasporto indietro nel tempo, da oltre 2000 anni fa, quando fu battezzata dai romani “Auximum” e anche più indietro nell’era archeologica, con il popolo dei Piceni e le prime caverne, probabilmente scavate da popolazioni provenienti dall’attuale zona del Lazio, (infatti anche Orte ed altri paesi hanno zone sotterranee molto simili e, scavate nel tufo). Il racconto delle guide di Osimoturismo gestite da Asso Osimo e soprattutto la competenza di Simona Palombarani è davvero meritevole perché coinvolgente, ed evidenzia, una passione nella ricerca dei simbolismi storici scolpiti nel sotterraneo.

Mi hanno colpito molto anche gli ingressi alle grotte, da quella del Cantinone sotto la chiesa di San Giuseppe da Copertino, la cui entrata è attraverso il mercato coperto delle erbe, e qui si ha il primo contrasto tra il vociare colorato della gente ed il silenzio cupo della grotta. Una sensazione più esoterica, invece, si respira entrando nella grotta di Piazza Dante, passando dalle cantine di Palazzo Fregonara Gallo, dove l’ingresso è quasi nascosto da due cisterne per il vino in cemento, addirittura dei primi del ‘900. Da ultimo, Grotta Riccioni che ha un percorso al suo interno molto interessante soprattutto per la simbologia templare che custodisce, ma in questo caso lo stacco al suo ingresso è dato dalla simpatica porta a serranda del locale d’ingresso che probabilmente ospitava fino a qualche anno fa una bottega artigiana. 

Osimo Sotterranea è una rete di storia fissata sulle fondamenta del paese, ha la capacità rigenerante del silenzio, un luogo senza spazio e senza tempo, un labirinto buio e silenzioso che è utile a raccogliere i sentimenti, fare proprie le suggestioni che si percepiscono visitandola. Forse è proprio per questo motivo, silenzioso e riflessivo, che sono state ultimamente meta d’ispirazione per musicisti d’oltreoceano e scrittori di “romanzi noir”. Insomma le grotte sotterranee di Osimo sono da visitare, perché oltre a scoprire ambienti storici davvero affascinanti, c’è il caso, che possa essere utile anche a ritrovar se stessi.

Info e contatti: Osimoturismo.it – AssoOsimo