Fate i Fioretti

La Porta del Ponte, l'ingresso al centro storico - foto di B.Olmai

“Fate i Fioretti” è un ossimoro per l’artigiano che vi voglio raccontare perché in effetti le tentazioni gastronomiche entrando dentro la bottega sono molte. Passata la porta del ponte, subito dopo avere attraversato il millenario ponte del diavolo di Tolentino, a mezza costa quasi come a darti il benvenuto nel centro storico, si trova la bottega di questo “generi alimentari” storico.

Andrea Fioretti ha un alterego d'avanti l'uscio di bottega, così almeno ti saluta sempre.
Andrea Fioretti ha un alterego d'avanti l'uscio di bottega, così almeno ti saluta sempre.

Un vero e proprio negozio di un tempo, la bottega di paese riproposta in chiave continuativa e contemporanea, in linea con la tradizione riuscendo a rinnovar se stessa, senza staccarsi dalla continua ricerca di identità golose particolari, ne stimola la proposta e mantiene integro l’equilibrio con ciò che il territorio circostante riesce a produrre.

"Fate i Fioretti" sull'altalena fra i tavoli
"Fate i Fioretti" sull'altalena fra i tavoli

Fioretti è luogo gastronomico di paese, enfasi di storie tradizionali locali che diventano pretesto per aperitivi o cenette diverse in un percorso completo di “panini sfiziosi”. Ma non pensate ad un “fast food” quando entrate da Fioretti, piuttosto prendete spunto da quel bancone e anche dai panini, per tirare fuori accostamenti utili alle prossime ricette che vorrete fare a casa.

Andrea Fioretti fa un gran lavoro nella selezione di qualità, nella foto uno dei suoi prosciutti.
Andrea Fioretti fa un gran lavoro nella selezione di qualità, nella foto uno dei suoi prosciutti.

La simpatia e la competenza di Andrea vi aiuterà sicuramente a trovare spunti e nuove storie da raccontar gustando.
Quindi Fioretti è il luogo adatto dove ridare tempo al tempo, in una pausa veloce ma non frenetica, se poi non riuscite a stare senza stress, per quello c’è sempre il fast food

"Fate i Fioretti" la facciata di San Nicola in restauro dal sisma 2016 - foto di B. Olmai
"Fate i Fioretti" la facciata di San Nicola in restauro dal sisma 2016 - foto di B. Olmai

Con un approccio di stile e sostanza, consiglio di assaggiare il suo “Maiuscolo” un salame morbido pluripremiato che merita il suo nome perché è di gran lunga migliore di molti “ciauscoli” in commercio, non fosse altro che per l’equilibrio di gusto e lo scarso uso di conservanti chimici. Seduti sull’altalena interna o comodi davanti la sua vetrina ci si immerge dentro l’atmosfera di paese che forse non è mai cambiato nella sua essenza da quel 1982 quando l’Italia era campione del mondo di calcio e suo padre Giancarlo aprì bottega con la consapevole esigenza di farne un punto di riferimento per la tradizione locale.

Fate i fioretti. Interno della Basilica ancora in splendida forma - foto di B. Olmai
Fate i fioretti. Interno della Basilica ancora in splendida forma - foto di B. Olmai
Il fascino della piazza centrale di Tolentino - foto B. Olmai
Il fascino della piazza centrale di Tolentino - foto B. Olmai

Finita la pausa golosa raccogliete le energie e continuate a salire la via che porta al centro di Tolentino, visitate San Nicola dove sarà facile in parte scontare il peccato di gola, facendovi pervadere da stupore per gli occhi alzando lo sguardo fra le tre navate del duomo, e forse se non in restauro anche visitando gli affreschi del monastero. Poi però continuate il passeggio verso il centro perché di lì a poco il viottolo finisce e lo sguardo rimane piacevolmente incantato dall’eleganza della piazza centrale, che nonostante le impalcature, riesce a trasmettere ancora quel fascino calmo ed equilibrato di cittadina ordinata, cosciente e sobria, come la sua gente dell’entroterra, piena di contrasti autentici fra palazzi in stile liberty, chiese e altre strutture medioevali.

La piazzetta di fianco la Basilica di San Nicola - foto B. Olmai
La piazzetta di fianco la Basilica di San Nicola - foto B. Olmai

Una passeggiata interessante per me è stata quella di perdermi fra i vicoli stretti della parte vecchia, che ho scoperto chiamarsi “Il Fondaccio” dove si trovano palazzi caratteristici e si riscopre il profumo sempre fresco di paese. 

Sotto al rintocco deciso di quell’orologio particolare sulla torre che forse è unico in Italia, Tolentino resta ed è un luogo da scoprire lentamente.

Fate i Fioretti. Quelle vie che portano al "Fondaccio". Foto di B. Olmai
Fate i Fioretti. Quelle vie che portano al "Fondaccio". Foto di B. Olmai
La Porta del Ponte, l'ingresso al centro storico - foto di B.Olmai
La Porta del Ponte, l'ingresso al centro storico - foto di B.Olmai
Di seguito il link alla pagina Facebook e i contatti
Commenti di Facebook

4 commenti su “Fate i Fioretti”

La tua opinione è importante, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.