La mia culla

La mia culla è il luogo dei miei sogni, è una coccola dolce.

La mia culla è ritrovarmi abbracciato stretto stretto con chi amo che ha gli occhi grandi come la luna di queste sere di fine autunno.

La mia culla è potermi risvegliare nonostante le terra che trema, è sotto le coperte a fare le cose più belle e più insensate.

La mia culla è una guerra contro il mondo, un avamposto verso la superluna che mai come adesso rischiara le notti di tutti.

La mia culla è il dolce amaro di un destino che verrà, nonostante tutto.

La mia culla sono i miei peccati originali, tanti come le scosse di questo periodo, rimessi al mondo per proseguire a vivere.

Il mio respiro vola vago verso un cielo coperto da nuvole che il chiarore dell’alba dissolverà.

La mia culla è l’odore di libertà.

P.s. la foto è di Enea Francia che ringrazio  per la sua ‘culla’, mentre il pezzo è mio che non ho ancora una ‘culla’ come quella…

La tua opinione è importante, lascia un commento