Archivi tag: giovani

Il problema non è il risultato del voto, ma l’ipocrisia.

Piazza che vai, vita che trovi
Con la curiosità di un bambino – foto di Marco Costarelli

Ho scritto un pezzo riguardo gli esiti delle elezioni, una risposta a chi per strada mi ferma e mi critica riguardo al mio rifiuto della scheda elettorale.

Ho scritto di un popolo che non ha il coraggio di protestare, di alzare la testa perché troppo coinvolto dentro le sue false debolezze.

Ho scritto di un trentasettenne capo del Governo che ha la fiducia di chi è oramai artefatto in usi, costumi e gesti, ed al quale fa specchio una serie di sindaci eletti con lo stesso suo modo di infondere (in)sicurezze virtuali.

Volevo far passare la colpa al mondo, sulla scia della frase di George Orwell “Un popolo che elegge corrotti, impostori ladri e traditori non è vittima. E’ complice”.

Poi mi sono visto allo specchio ed ho riflettuto sulla mia vita, le mie scelte passate. Poi ho risposto al cellulare, ho visto la PlayStation spenta in sala di fianco al tv a led 3D e mi sono detto. “Ma che cazzo scrivo? Alla fine sono come tutti gli altri, magari solo un po’ più masochista.” Mi sono chiesto che senso avesse riportare una lamentela come se io fossi qualcos’altro rispetto al sistema.

Io faccio parte di questo ordine di cose, quindi che cambia se critico ma non faccio più niente per cambiarle? Che senso ha se non cambio io per primo?

Ho cancellato tutto!

Ho ripensato a quando, qualche anno fa, arrancavo per arrivare alla fine del mese, però mi sentivo ripagato dal sorriso di un gruppo di bambini e di ragazzi in cui ci vedevo la voglia di esserci, di esprimere le proprie convinzioni, incanalare nel verso giusto le emozioni. Riuscivo quasi a sentire i loro animi, mi sentivo parte di un processo di crescita sana. Nutrivano una freschezza contagiosa. Sentivo che quel ruolo conquistato a forza, era utile ed poteva essere esemplare per migliorare gli altri. Oggi no. Per carità sono più tranquillo economicamente, ho il posto e lo stipendio (finché dura) a fine mese e forse, anche 80 euro in più, ma posso dire onestamente con me stesso di essere felice? Dico che campo nel costante tentativo, a volte mal riuscito di frenare le emozioni. Ma forse la felicità è qualcosa di altro. E’ nella dolce freschezza di un abbraccio, un sentimento del cuore, un gesto che ti scalda l’anima che proviene da una frase, da uno sguardo di affetto, da una risata.

Forse ho solo paura che quella freschezza la stia perdendo piano piano per rincorrere una sicurezza “beffarda” anche io come gli altri.

Poi però ti capitano delle magie inaspettate, qualcuno che quel colore acceso negli occhi ancora ce l’ha, identico a quello che vedevo negli sguardi di quei bambini tempo fa, quella brillantezza iridescente che hai solo quando fai le cose in cui credi.

Per un attimo sono tornato a crederci, a credere nella possibilità di riconquistare più umanità, di riprendermi la voglia di dimostrare che cambiare il mondo in meglio in fondo non sia poi così impossibile.

Forse la vera rivoluzione sta nell’abbattere il potere dell’ipocrisia.

 

Città Eterna tra artisti e gelatai senza tutele.

Dal pomeriggio alla sera in giro per il centro

della Città Eterna si incontrano artisti fra le vie ed i vicoli immersi in una dimensione quasi surreale.

Ma attenti alle “sole”. Sono molti infatti i “falsi” cheti possono essere “appioppati” in giro. Un modo per riconoscere una stampa da un acquarello originale, ad esempio è quello di avvicinare l’occhio verso il foglio, vedere se si scorgono pixel o puntini e verificare se i neri sono omogenei o leggermente “bordati”. Un pittore “vero”, dipingendo sul serio, osservandolo anche con una buona mano, mi confida che non c’è più tanto spazio per gli artisti. Non è come Montmartre in Francia, dove sono banditi i falsi e gli artisti vengono tutelati a scapito dei falsari. Rifletto al paradosso di vedere il centro dell’arte nazionale e mondiale sempre più coperto di fasulli venditori di arte finta e con sempre meno spazio per le autenticità. Contemporaneamente e con una certa nota di rammarico, noto sfumare il mio pensiero di sempre, quello di campare, talento permettendo, con cavalletto, tela e pennello, provare ad essere artista e vedere cosa succede.

Si fa sera, il passeggio si sposta a Trastevere dove fra i tanti locali, ci si ritrova in un bagno di folla ordinata e divertita, di tutte le età, socievole e allegra a comporre un puzzle di belle sensazioni che, solo l’atmosfera di questi luoghi può trasferire. Fra il fast food della porchetta con le cameriere che si divertono ballando, il famosissimo Cencio

La Parolaccia (come dimenticarne l’impronta nei numerosi film della commedia italiana anni 80), locali di ogni genere, si respira una bella sensazione colma di un “dolce vivere” evidente in ogni viottolo. Poco fuori le vie principali di Roma trasteverina, scorgo “Il cinema America Occupato”, dove un gruppo di studenti hanno deciso di promuoverne la riqualificazione formulando una “dichiarazione di interesse culturale” contro la volontà speculatrice di costruire al suo posto le solite palazzine. Infatti la Capitale negli anni 50 per produzione di cultura e numero di sale cinematografiche era seconda solamente a Hollywood. Nerone, (ovviamente è il nome d’arte del ragazzo del bar che mi ha raccontato la storia di questa occupazione) insieme a tutti gli altri che lottano per la riqualificazione in ambito culturale di questi spazi, stanno rendendo un servizio all’intera

società.

Tornando verso il centro di Trastevere, mi viene voglia di un gelato. Andrea ha una bella gelateria aperta da non molto tempo e con non pochi problemi. Infatti il giovane gelataio ha già dovuto affrontare addirittura un ricorso al Tar per poter mantenere la sua attività. Come se la montagna di tasse che copre le piccole attività come questa non bastasse, il Comune di Roma ha prodotto un’ordinanza anni fa, dove di fatto veniva preclusa la possibilità di produrre gelato artigianale in quelle zone. Fra l’altro la gelateria di Andrea è uno dei tre laboratori della prestigiosa Old Bridge, nata 25 anni fa nei pressi del Vaticano. Rimaneva consentita la sola vendita di gelati confezionati. Il ricorso di Andrea fortunatamente è stato accolto e io consiglio a tutti vivamente una capatina perché se lo merita, per la sua simpatia e la cordialità e, soprattutto perché si può gustare davvero un ottimo gelato artigianale.

La Capitale delle contraddizioni e delle emozioni, della voglia e delle speranze di giovani con idee precise che si mettono in gioco e credono in quel che fanno, a riprova di quello che vogliono inculcarci i mass media riguardo a bamboccioni, fannulloni e generazione neet.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.