Archivi tag: politici

La comunicazione contro!

La totale mancanza di conoscenza reale dei disagi nelle zone terremotate è evidente nelle risposte istituzionali o similari, si percepisce chiara e nitida la desolante ignoranza politica motivata da una partitocrazia inutile, che pone basi esclusive di discordia e taglia in due la società; il popolo e l’elite. Sarebbe la sceneggiatura di un film comico o di un nuovo ‘Pulp Fiction’ tanto per scomodare Tarantino (scrissi un pezzo tempo fa intitolato pulp sisma) ma è tragedia reale per tante, troppe persone.

Da quella specie di delibera regionale con cui si obbligava i comuni a controllare e dichiarare abusivi i moduli provvisori fatti in autonomia dagli stessi terremotati, ai contributi per autonoma sistemazione che di fatto, credo, nessuno ne abbia visto ancora il becco di un quattrino, era percepibile un segnale netto d’incapacità istituzionale anche nella forma di comunicazione imboccata da certi dirigenti che hanno mostrato addirittura le loro contrarietà verso chi, senza chiedere nulla sta cercando di rendersi utile. Allora ecco gli “specialist” a libro paga per progetti di marketing turistico della stessa Regione via a commentare come manco fossero Zuckerberg, che la neve porta engagement dai loro uffici riscaldati dai soldi di tutti, postando foto di Urbino innevata o altre maestose bellezze statiche su Instagram e, pontificando tra loro, cercando motivazioni mediatiche, scrivendo su Facebook come si possano considerare elementi di profilatura interessanti gli “i like” messi nella pagina Marche Tourism da profili asiatici.

Ora con tutto il rispetto per chi lavora di turismo vero ed ha rapporti diretti con chi visita queste zone, mi chiedo come sia possibile che la Regione Marche possa tenere a libro paga collaboratori di questa enorme inutilità. E non venite a parlare di tecnicismi mediatici perché sono stupidaggini in questo momento, pure e semplici prese per il culo come la maggior parte delle azioni di promozione messe in atto da enti disastrosi come la Regione. Mettere una foto della ‘Moretta di Fano’ o anche del ‘Ciauscolo’ in un sito istituzionale avrebbe senso se questo ricordasse un progetto, un evento, sostenesse un principio, portasse con se un contenuto, o facesse leva su uno spazio emozionale concreto!

Ma il post di una bella foto rimane solo fine a se stesso e ti fa raccogliere i “mi piace” dei nostalgici o da quelle ‘profilature’ asiatiche che non credo siano assolutamente interessanti per il mercato turistico regionale, con tutto il rispetto per il Bangladesh o similari.

Comunque, lasciamo da parte il lato tecnico, facciamo il punto su come si rivolge questa gente verso coloro che si propongono di sostenere le popolazioni colpite.
Gesti di dissenso, di negatività, di ‘non serve’, di ‘non fatelo’, ‘le Marche non sono solo il terremoto’. Invece di far leva sul “venite a vedere come siamo messi e aiutateci a rimettere insieme le nostre economie e le nostre comunità”, questi sciacalli mediatici, pagati dalle tasse di tutti, questi apparati inutili della comunicazione turistica regionale ti dicono che le Marche sono altro e non sono solo terremoto. Senza vergogna, immedesimati completamente nel ruolo che hanno.

Allora io propongo che i soldi stanziati per questi pseudo professionisti inutili, siano immediatamente distribuiti agli sfollati che rappresentano identità reali, siano megafoni per quei piccoli ma grandi sindaci che ogni giorno cercano di farsi ascoltare, per gli allevatori martoriati che erano, sono e saranno i veri motivi di viaggio, rappresentando una realtà vera, viva e non virtuale. Si dovrebbe raccontare quello che si vive con la lealtà di immagini che, se occorre, possono essere anche crude, ma sicuramente vere e spesso allegre nonostante tutto, come i cuori aperti della gente di montagna, anche e soprattutto nella disgrazia che si sta vivendo.

Altro che foto inutili o pubblicità di cieli limpidi in tv che in questo periodo sono utili solo come tornaconto da mostrare ai politici idioti di turno!

Quindi Ceriscioli e compagnia, rendetevi conto chi siete e chi avete attorno!

p.s. guardate bene la foto, l’ho scattata a Camerino dopo la scossa di Ottrobre, manco a farlo apposta c’erano i Forestali in prima linea. Meritano rispetto queste persone!

La mafia della stupidità

Continuano le scossette di magra intensità, piccole, numerose e silenti ci fanno capire che viviamo un momento di instabilità totale. Dalle istituzioni alle famiglie, tutti indistintamente. Il terremoto dovrebbe farci capire che la società deve essere riequilirata. Invece no. Continuano le scosse dentro gli animi di chi, una casa lesionata già ce l’ha.

È l’apoteosi dello scandalo nella evidente continuità di una utopica visione del mondo unilaterale e iperliberista. Dove il mercato è padrone e noi da cittadini siamo catapultati a consumatori nella più becera visione degli schiavi moderni.

In maniera inequivocabile e con le mazzate dei politici e leader locali che, da, ogni ordine e grado imperano dictact su come sia meglio fare. Mai una parola sulla libertà di deciderselo da soli il proprio futuro. Un futuro di instabilità totale dove nessuna “protezione civile” può arrivare e che nessun social può descrivere.

L’idea di tenere tutto sotto controllo, mai come adesso è completamente svanita sui continui movimenti della terra. È ora di riconsiderare l’uomo nella sua integrità fisica e morale. Riconsiderare l’idea che la gente è tale perché ha un intelletto proprio e la semplicità complessa di combattere per continuare a vivere la propria storia. Per questo il Governo sbaglia nel perseverare a voler mandare tutti al mare. Perché interrompere le economie agricole di alta collina o montagna, mandando tutti in ‘vacanza forzata’ è una stronzata dettata solo da un’ipocrisia politica di stampo regionale. Dovrebbe essere resa reato perseguibile civilmente se non a livello penale!

Comprendere queste cose è presupposto fondamentale per interventi massicci atti a ricostruire ‘in primis’ intere comunità. Un esempio è Gagliole, un piccolo paesino del maceratese che, anche se non abbia avuto evidenti crolli sulle strutture edilizie, vive una dimensione di sfiducia enorme verso tutti gli apparati istituzionali, oggi ho parlato con Mauro Riccioni, il sindaco ‘a gratis’ di questo piccolissimo comune terremotato.

il sindaco Mauro Riccioni
il sindaco Mauro Riccioni

Un avvocato mio amico, salito alla ribalta per il fatto di aver urlato al mondo di fare il sindaco senza ricevere indennità di mandato, l’ultimo comunista vero. Una cosa inconcepibile nell’economia di mercato. Encomiabile per i suoi cittadini fino a prima del sisma.

Dopo le scosse l’ho visto solo, più di prima. Tanto che nella sua voce non ho più sentito l’idea pacata, per quanto decisa di un uomo con una propria coscienza civica, ma solo la fragilità di non riuscire a mantenere gli impegni ad una società indebolita dalla paura di perdere tutto e rimanere abbandonata a se stessa. Mauro, che in tempi normali urlava contro un sistema fatto di utopie liberiste, oggi l’ho visto impaurito, iperattivo sul fronte scatenato della volontà di ricucire una comunità fatta di uomini e donne sfiduciati dal timore di cosa sarà il domani, encomiabile, ma non nego dubbi su come avverrà questa ricostruzione ‘la quiete dopo la tempesta’.

Intravedo nitido il senso di disorientamento su come andare avanti domani. Proposte e sacrifici a sperare in un futuro migliore ed identitario. Cammino difficile, pieno di motivazioni, nonostante la Regione, il ministero e il mondo della burocrazia che si fa spazio dentro uno sciame sismico di aiuti promessi ma che non arrivano mai. Unico modo per urlare al mondo che esistiamo, quello di farci sentire coesi e determinati a voler far continuare ad essere le nostre comunità. Siamo un popolo fatto di uomini e donne che dovrebbero unirsi nel continuare a respirare questi territori. Nonostante tutto e tutti. Ora è il momento della calma e della riflessione cose in cui i marchigiani si perdono spesso. Ma è anche il tempo di essere comunità, anche se impaurita, dimostrare di essere gente che vuole ricominciare a viverli di nuovo questi paesaggi.

In sostanza è una guerra contro la mafia della stupidità, umana, politica e sociale. Se non la vinciamo, meritiamo tutte le catastrofi che abbiamo!

Per questo, forza e coraggio!

ELEZIONI

elezioni

RICEVO E PUBBLICO, PER CREARE UN DIBATTITO E CAPIRE COSA PUO’ VENIR FUORI DI BUONO:

Oggetto: ASTENSIONISMO ATTIVO
l’astensionismo attivo ovvero rifiuto della scheda.
Come ben sapete l’astensionismo passivo non fa percentuale di media votanti e riguardo alle elezioni legislative il nostro sistema di attribuzione non prevede nessun quorum di partecipazione(a differenza dei referendum dove è richiesto un quorum del 50%+1 degli elettori).
quindi se anche per assurdo nella consultazione elettorale votassero tre persone,ciò che uscirebbe dalle urne sarebbe considerata valida espressione della volontà popolare e si procederebbe quindi all’attribuzione dei seggi in base allo scrutinio di tre schede.
Altresì le schede bianche e nulle,fanno si percentuale votanti,ma vengono poste, dopo la verifica in sede di collegio di garanzia che ne attesti le caratteristiche di bianche o nulle,in un unico cumulo da ripartire nel cosiddetto premio di maggioranza….(per assurdo sempre votando bianca o nulla se alle prossime elezioni vincesse Berlusconi le suddette schede andrebbero attribuite nel premio di forza italia).

Esiste però un metodo astensivo,che garantisce di essere percentuale votante(quindi non delegante) ma consente di non far attribuire il proprio non-voto al partito di maggioranza.

E’ infatti facoltà dell’elettore di recarsi al seggio e una volta fatto vidimare il certificato elettorale,AVVALERSI DEL DIRITTO DI RIFIUTARE LA SCHEDA,assicurandosi di far mettere a verbale tale opzione.

E’ possibile inoltre ALLEGARE IN CALCE AL VERBALE,UNA BREVE DICHIARAZIONE IN CUI SE VUOLE,L’ELETTORE HA IL DIRITTO DI ESPRIMERE LE MOTIVAZIONI DEL SUO RIFIUTO(es. nessuno degli schieramenti qui riportati mi rappresenta).

Tale sistema oltre a rallentare e rendere difficoltose le operazioni di voto e scrutinio(è obbligatorio compilare infatti per ogni scheda rifiutata un apposito verbale) rende inattribuibile il voto,in quanto la legge consente solo l’attribuzione delle schede contenute nell’urna al momento dell’apertura della stessa,creando una discrepanza tra percentuale votanti e voti attribuibili e di conseguenza un problema di difficile,se non impossibile attribuzione(specie se il fenomeno raggiungesse quote notevoli) di seggi,infatti in linea teorica(non è mai successo) se la quantità di schede rifiutate raggiungesse la quota di voti necessaria per l’attribuzione di un seggio,tale seggio non potrebbe essere attribuito.

DIFFONDETE a chi può interessare.

COSA NE PENSATE?
SI PUO’ FARE?
I PRESIDENTI DI SEGGIO CI FUCILERANNO?
MIGLIORARE L’IDEA SI PUO’?

GRAZIE A TUTTI.