Archivi tag: sartoria

Le coppole lunghe di Adele a Cefalù.

Le coppole sembra che siano di origine anglosassone, anche se la Sicilia, nel bene e nel male ne ha fatto scrigno di emozioni proprie negli anni. Quel berretto particolare evoca le sofferenze dei migranti in terre lontane, l’oppressione, la paura ma anche, a pieno titolo, l’essere siciliano, la “coppola” oggi assume diversi significati che la consacra simbolo di un territorio, al di là del tempo. A Cefalù ho trovato, quasi per caso passeggiando per le viuzze del suo spettacolare centro storico una bottega artigiana che ne produce una versione propria, allungata e “calzante”. Non sono amante dei cappelli ma ne ho acquistata una lo stesso. La storia di Adele Anastasi parte oltre cinquant’anni fa da Barcellona Pozzo di Gotto e da valore aggiunto a Cefalù da 15 anni, perché ne contribuisce ad elevare la qualità artigianale ed artistica con la bottega di Corso Ruggero al numero 161.

Ho avuto il piacere di conoscere Agostino il marito musicista di Adele perché mi sono letteralmente imbattuto davanti al negozio “La Coppola”, lui lì con a fianco la sua chitarra, a spiegarmi l’unicità delle loro “coppole lunghe” che sono senza spicchi, hanno un’unica cucitura sul retro, ed il fondo, più profondo rispetto allo “standard”, permette una buonissima vestibilità; tutto il berretto appare leggermente allungato il che mi ha stupito, perché per il cespuglio di capelli che ho, la coppola non è che sia proprio il mio berretto ideale da indossare, ma nonostante questo, l’ho portato comodamente per tutta la giornata.

Voglio raccontare questo episodio di Agostino e Adele perché mi ha trasmesso una sincera passione nello stile artigianale e nell’innovazione positiva e non stravolgente di un simbolo forte di una terra cruda e stupenda, ricca di contrasti come le coppole stesse che richiamano alla mente una vastità di tipologie persone; dagli urlatori dei giornali degli anni 50, ai cantanti, dagli attori del cinema come Mastroianni o James Dean, ai divi del grande schermo diretti da Sergio Leone o Francis Ford (ironia della sorte) Coppola che, con il suo Padrino, ha reso l’intera Sicilia il territorio di magliette e gadget con le facce di Al Pacino e Marlon Brando, un vero e proprio brand romanzesco ispirato da una connotazione più oppressiva derivante dalla fama degli altri padrini, quelli veri, molto meno romanzati ma di inequivocabile ispirazione per il cinema.

Tuttavia è in seno ad una continuità di sapienza e conoscenza che solo dalle mani di chi sa il suo mestiere può derivare ed essere poi trasmessa attraverso la passione per il proprio lavoro. Ci sono tantissime bancarelle che vendono le coppole o i cappelli di paglia, perché sono il simbolo emotivo di quella terra, quasi la totalità fatte all’estero. Allora è chiaro che se vuoi riportarti a casa un pizzico di quel senso di unicità e carattere, simbolo di una terra dai forti contrasti, diviene doveroso indicare botteghe come questa.
Fra l’altro i borsalini e i cappelli da donna che fanno da assortimento alla piccola boutique provengono da maestri artigiani della mia terra, Montappone in provincia di Fermo, segno che non esiste concorrenza tra chi produce oggetti di qualità percepibile.

Quella coppola lunga di Cefalù unica e quindi inimitabile perché propria della sapienza sartoriale di Adele, l’ho scelta di un cotone colorato che mi racconta, nei suoi scacchi, la grande diversità della creatività artigiana, e inevitabilmente, mi farà tornare alla memoria quel viaggio, trasmettendomi il sapore autentico del sapere artigianale che caratterizza tutta l’isola. Così la manualità ed il sapere colorano di tante sfumature ricordi e sensazioni.

informazioni:

Corso Ruggero, 161
90015 Cefalù (PA) Italy
Tel. 3248880043 Agostino
email: calago@libero.it

pagina facebook

Boville Ernica … altro che il paese dei buoi!

Facciata della chiesa di San Michele Arcangelo e la piazza
Facciata della chiesa di San Michele Arcangelo e la piazza

Una bella scoperta della ciociaria.

Boville Ernica, veduta del paese
Boville Ernica, veduta del paese

 

Un paese con poco meno di 9000 abitanti, tra Frosinone e Cassino, dentro la Ciociaria.
Un posto di quelli che raccontano l’italia nascosta, ma sicuramente la più vera.

Boville (dal latino “Bovis Villae”, “cittadina del dio bove”) è il nome che il paese acquisì nei primi del novecento, prima era chiamata Bauco.

Boville a mio avviso, passeggiado sui vicoli di sampietrini dove si affacciano le insegne retrò e ben messe dei non tanti locali del centro storico, richiama alla mente, quei paesi bohemien, non solo per il nome che suona come un francesismo, ma per quella certa aria di calma ed eleganza che le mura riescono a trattenere.

Mosaico di Giotto
Mosaico di Giotto

Scoprendola infatti la cittadina mostra una sorta di eleganza genuina, la piazza è particolare e tiene affiancate due forme di chiese, di cui una oggi ospita, nella facciata, il monumento ai caduti della grande guerra e l’altra, è la chiesa di Michele Arcangelo. Poco lontano merita assolutamente una visita la chiesa di San Pietro Ispano con la bella cappella Simoncelli dove si trova addirittura un mosaico che raffigura un mezzo busto di angelo eseguito da Giotto.

Tornando nella piazzetta centrale del paese, all’ombra dei campanili, ad angolo con l’imbocco della via per il Comune, c’è la bottega di alta sartoria di Roberto Cervoni.

Un artigiano che merita veramente di essere raccontato per la grande accuratezza che opera nel confezionare le sue creazioni su misura prevalentemente da uomo.

Cervoni con un capo appena realizzato, dove ho lasciato gli occhi
Cervoni con un capo appena realizzato, dove ho lasciato gli occhi

Una bottega di alta scuola sartoriale, must di eleganza immersa nel centro della catena dei monti Ernici. I tanti passaggi per creare un prodotto di alta scuola artigianale, che vede committenze di altissimo profilo, ma per motivi di privacy non posso elencarle.

Molto interessante e non eccessiva anche la proposta gastronomica del territorio, dove non mancano riferimenti culinari propri della Ciociaria; merita una citazione particolare l’olio extravergine di oliva che qui si produce, Boville infatti, fa parte dell’associazione nazionale “Città dell’olio“. Vino interessante è il “Cesanese del Piglio”.
Insomma Boville Ernica è sicuramente una bella scoperta ed una tappa immancabile in un viaggio dentro la Ciociaria, oltre ad essere anche “Uno dei Borghi più belli d’Italia”
Luogo inaspettato e senza dubbio piacevole, dove si respira ancora il vento di un’Italia calma che viaggia ancora, e per fortuna, al ritmo delle sue stagioni.

p.s. ringrazio di cuore il vice Sindaco Antony Astolfi per aver contribuito con interessanti informazioni e con alcune foto.

Informazoni:

Comune, Pro Loco