fbpx
- bamboccione - fonte: internet

- bamboccione - fonte: internet

Generazione senza sogni, bamboccioni ecc. In questi giorni assistiamo alla più grande messa al bando delle nuove generazioni da parte di una classe dirigente obsoleta che tuttavia per egoismo e lobby di interesse costringono all’angolo il futuro di tutti. Studenti in rivolta, esasperazioni, teppisti che hanno preso questo senso di malessere per una propria opportunità di far danni a commercianti, che difficilmente riescono ad uscire da una crisi voluta e che non finirà mai, proprio perchè strutturale e di sistema.

Ma non voglio parlarne, c’è tanta cronaca che già tratta e approfondisce questi argomenti. Poi, figuriamoci, io vivo in un paese dove piove dentro una scuola materna restaurata da poco più di un mese!

Racconto una storia di “pura” fantasia.

Metti un ragazzo di 26 o 27 anni che da 4 anni si occupa di tutela e promozione delle peculiarità dei territori, in cui è nato e dove vive, cercando di mettere insieme eventi, magari spesso riuscendo anche a dare un minimo di visibilità a zone sconosciute ai cosiddetti “flussi turistici”.

Fra tutte, una manifestazione musicale che diventa interessante per parecchie scuole d’Italia, arrivando a quote di un migliaio di partecipanti, in ogni edizione, provenienti da tutta la Penisola.

Aggiungiamo anche, rimanendo sempre nel filo della fantasia, che questo tipo strano, dovesse decidere, fidandosi delle istituzioni, di gestire una struttura turistico alberghiera in un paese del suo entroterra. Metti che in quasi 3 anni di gestione all’interno di questa struttura di proprietà pubblica, lui e il suo staff, riescono a moltiplicare le presenze turistiche di ‘sto posto nemmeno ricordato in molte carte geografiche.

Iniziano ad arrivare turisti dall’Europa e addirittura dalle Americhe. Sommiamo, – volando di creatività, – il fatto di avere un canone di affitto di azienda esagerato per la serie di servizi e costi che è d’obbligo sostenere in questo tipo di attività e che quindi il giovane “Bamboccione” decidesse di andare a chiedere al proprietario dell’immobile, l’ente pubblico, un abbassamento del canone di affitto e che puntualmente questo riequilibrio di costi gli venisse negato!

Mettiamo poi che, dopo 3 anni, a conti fatti per via dei costi eccessivi di affitto, il ragazzo “fannullone” e, quindi in linea con la generazione degli “analfabeti” che vanno in questi giorni per le strade, ma lui oramai 30 enne, fosse costretto a lasciare l’attività, vista la collaborazione nulla dei cosiddetti politici che gli soffiano sempre e solo fumo negli occhi, continuando ad utilizzare le risorse pubbliche per la promozione turistica senza ottenere alcun effetto.

Aggiungiamo poi, con altro sforzo di fantasia che, di lì a pochi mesi, il bando di gara per la nuova gestione, richiedesse un terzo del canone di affitto per la gestione dello stesso stabile e, che la gara andasse addirittura deserta,  facendo rimanere la struttura senza nessuna strategia di promozione, con servizi ridotti e magari anche con una gestione saltuaria da parte di gente che “sta lì ogni tanto per aprire”.

Quando m’impegno ammazza se viaggio con la fantasia!

Per finire mettiamo il caso che questo “nulla facente” e forse anche il suo ex staff, ogni sera si trovasse ad accendere la TV e si imbattesse in talk show e tribune politiche, che mai come in questo periodo parlano dei giovani, della loro svogliatezza, del senso di rinuncia, del fatto che non vogliono rimboccarsi le maniche, che bisogna aiutarli (come se fossero in estinzione come il panda) e altre frasi fatte.

Chiedo, se foste voi al posto di questo tizio, (che è puramente inventato non vi pare?), cosa fareste?

Forza e coraggio ragazzi, il futuro siete voi che oggi a Roma avete dato l’esempio di come si vive, manifestando pacificamente e con senso del diritto a differenza delle cariatidi !

Commenti di Facebook

One response

La tua opinione è importante, lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Marco Costarelli - Logo -
Perché questo blog

Questo blog è nato per la passione di assaporare, vivere e mettere a frutto esperienze, di cose, di luoghi ma soprattutto di persone, che ho potuto incontrare, percorsi che ho battuto, da solo o insieme ad altra gente.

Sono appassionato di arte, ogni tanto dipingo, “invento” oggetti, qualche cimelio provo a restaurarlo.

La mia passione grande che provo a condividere in questo blog, è quella del racconto anche attraverso le immagini.

Ho una grande passione per la cucina di territorio e per i prodotti identitari e rispetto chi, senza ipocrisie li tutela, perché sono una grande forma d’arte.

Sono in grado di stilare progetti e strategie di comunicazione integrata, conosco i meccanismi del Marketing Territoriale, perché è lo strumento con cui riuscire a condividere al meglio l’unicità che hanno determinati paesi, luoghi e paesaggi, che spesso visito per meravigliarmi della loro essenza semplice e straordinaria.

Ho redatto progetti importanti che hanno raggiunto gli obiettivi prefissati.

Ho la ferma convinzione che le “identità particolari” siano qualcosa di prezioso da tutelare e proteggere finché saremo in tempo a farlo.

La tecnologia ci da la possibilità di essere tutti più connessi, ma troppo spesso oramai, ci fa dimenticare la sostanza delle piccole cose, dove si cela, viceversa, la bellezza e la forza meravigliosa del racconto.

Community
  • Marcello
  • Nicolò Bertolini
  • Riddhi Chitalia
  • alemarcotti
  • Giovanni Augello
  • Francesco Marchetti
  • Saimon
  • silviacavalieri
  • MarcoCostarelli
  • Carlo
Categorie
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: